Guida Sardegna

guida
Perché scaricare le guide?
Scarica ora le nostre guide
della Sardegna!
guida
Perché scaricare gli Ebook?
Scarica ora
i nostri Ebook!
 

 

Geografia del Territorio
La Sardegna situata al centro del Mar Mediterraneo, di cui la seconda isola per grandezza, con i suoi 20.090 km2 di superficie: grande 3 volte la Corsica e 7 volte lisola di Maiorca. La sua forma romboidale ispirò i greci che la chiamarono Icnusa da Icons (impronta di piede) e successivamente Sandaliotis (da sandalo). I romani la ribattezzarono invece Sardinae, da qui il nome attuale, in riferimento al leggendario Sardus figlio di Hercules, che si narra avesse condotto un gruppo di libanesi sullisola.
La Sardegna non densamente popolata, consta di appena 1.7 milioni di abitanti. Il 17% del territorio adibito allagricoltura e allallevamento ovino, in percentuale circa il doppio della media europea.
Si tratta di una regione prevalentemente collinosa e il massiccio più alto il Supramonte del Gennargentu, nel cuore dellisola la cui vetta pi alta Punta la Marmora, con i suoi 1.834 m daltezza. Immagini caratteristiche dellisola sono indubbiamente le ripide scogliere che si tuffano nel mare da est a ovest, nonch le rigogliose pianure. I piccoli fiumi raggiungono la loro massima capacit in primavera allo sciogliersi delle nevi o in autunno durante la stagione delle piogge; in estate si presentano invece in secca, a causa del clima tendenzialmente arido. Il fiume pi lungo il Tirso che nasce sui monti di Buddus e sfocia nel Golfo di Oristano. Lunico fiume navigabile il Temo, che scorre attraverso la graziosa cittadina di Bosa, affacciata sulla riviera del corallo a sud di Alghero. In passato lo straripamento dei fiumi form delle ampie e numerose aree paludose, che causarono la diffusione della malaria, che afflisse gran parte dellisola fino agli anni 50 del secolo scorso, quando lopera di bonifica, iniziata durante il fascismo, giunse a conclusione. Uno degli interventi che premise ci fu la chiusura del corso dei fiumi in alcuni tratti al fine di formare dei bacini artificiali tra cui il Lago Omodeo e il Lago Coghinas. Attualmente si stanno attrezzando laghi e fiumi per la pesca turismo: il primo esperimento ben riuscito visibile sul Lago Flumendosa in cui attivo un battello che effettua visite guidate.

La pastorizia e lattivit di estrazione sono storicamente importanti in Sardegna; fin dallantichit infatti venivano estratti il ferro, il carbone, il piombo, lo zinco, il rame e persino largento. In epoca pi recente sono invece stati costruiti alcuni stabilimenti industriali per la produzione di materiali chimici, petroliferi e tessili. Nel Nord-Est dellisola, in Gallura, si trovano le famose cave di granito. Di, notevole importanza per leconomia dellisola la produzione e lavorazione del grano, oltre che quella vitivinicola e dellolio doliva. Altra grande risorsa rappresentata dalla produzione di sale marino nella provinciale di Cagliari.
Lisola ricoperta da 64.000 acri di foresta, soprattutto di querce e le aree pianeggianti destinate alla coltivazione di grano.
Storia
Per meglio capire la Sardegna necessario un breve excursus nella sua storia. La sua formazione risale addirittura a 600 milioni di anni fa, rimase disabitata per 10.000-8.000 anni per la sua posizione difficilmente raggiungibile, e ancora oggi mantiene pressoch la stessa posizione nel bacino del Mediterraneo che aveva 65 milioni di anni fa; per questa ragione la Sardegna , geologicamente parlando, una delle terre pi antiche dEuropa, con rischio sismico ridotto praticamente a zero.
In epoca preistorica il popolo sardo viveva in villaggi costituiti da capanne e palafitte o in grotte vicine alle zone lagunari o nelle tipiche costruzioni megalitiche chiamate Nuraghi. Popolo molto religioso, i sardi veneravano la Dea Madre e professavano il culto dei morti che venivano seppelliti nelle Domus de Janas (letteralmente le tombe delle fate).

Dal 2.200-1.800 A.C si insedi nellisola un popolo venuto dallEst europeo, che cominci a costruire nelle valli e sulle colline una nuova struttura formata da grossi blocchi di pietra squadrati, i Nuraghi appunto, che resero pi sicure la popolazione da eventuali attacchi da parte di trib ostili, oltre che dalle intemperie. Di queste costruzioni rimangono oggi circa 7.000 esemplari, sparsi su tutto il territorio; il pi importante e famoso sicuramente quello di Barumini, il cui nome Su Nuraxi (il Nuraghe) dimostra che considerato il nuraghe per eccellenza. La civilt nuragica professava il culto dellacqua come testimoniano i numerosi pozzi sacri eretti in prossimit negli insediamenti, oltre che gi citato il culto dei morti, che venivano sepolti insieme a statuette di bronzo.
Sito archeologici
Monumenti storici