Visitare Cagliari e dintorni

Scarica la Guida Viaggio della Sardegna >

Cittadella dei Musei e Quartiere Castello

Sito in quello che fino a poco tempo fa era l'Arsenale Militare, la Cittadella dei Musei rappresenta il polo museale della città di Cagliari. Al suo interno si può visitare il Museo Archeologico Nazionale, la Pinacoteca, il Museo d'arte siamese e il Museo delle cere

Nel Museo Archeologico Nazionale si trovano reperti delle civiltà prenuragica, romana, punico-romana, dell'età cristiana e di epoca medievale.
La Pinacoteca contiene diverse opere di artisti sardi dal Cinquecento al Novecento che raccontano la vita nel passato sull’isola.
Il Museo delle cere, invece, ospita riproduzioni anatomiche ad opera dell’artista Clemente Susini. 

Consigliamo una passeggiata nel quartiere dove sorge la Cittadella, il suggestivo quartiere di Castello, uno dei quartieri storici della città. In questa zona, si trova anche il Bastione di Saint Remy che presenta una scalinata sormontata dall'arco di Trionfo. Offre una vista unica del mare e della città.
 
Cittadella dei MuseiCittadella dei MuseiCittadella dei Musei
 

Nuraghe Arrubiu

Uno dei rari esempi di nuraghe pentalobato in Sardegna, (costituito da cinque torri che si dispongono attorno al mastio centrale), il Nuraghe Arrubiu o Orrobiu (in sardo, rosso) deve il suo nome e la sua colorazione ai numerosi licheni che lo ricoprono.

Nuraghe Arrubiu Nuraghe Arrubiu Nuraghe Arrubiu

Grotte Is Zuddas

Sono le più antiche grotte finora conosciute, formatesi circa 600 milioni di anni fa. Ancora attive, si sviluppano per circa 500 metri, e offrono spettacolari scenari tra i tunnel e le varie sale di cui si compongono.
 

Rovine di Nora

Area archeologica punico-romana che sorge sul promontorio di Capo di Pula. Nora, la città più antica della Sardegna, si ricorda soprattutto per il ritrovamento della "Stele di Nora", il più antico documento scritto che riporta il nome della Sardegna in alfabeto fenicio: Shrd=Shardana, oggi conservato al museo archeologico di Cagliari.

Parco del Molentargius

Chiamati in dialetto campidanese sa genti arrubia, la gente rossa, per via del colore assunto da una parte del piumaggio, i fenicotteri rosa devono la loro colorazione ad un crostaceo di cui si nutrono, particolarmente ricco di un pigmento color porpora. Attratti dal mite inverno sardo, i fenicotteri si concentrano negli stagni del Cagliaritano, in particolare in quello del Molentargius e di Santa Gilla.

 Parco del Molentargius Parco del Molentargius

Santuario di Nostra Signora di Bonaria

È un esempio di chiesa gotico-catalana a cui si accede da un’ampia scalinata. Sul lato destro del  Santuario di Nostra Signora di Bonaria, si erge una basilica costruita successivamente. Entrambi gli edifici sono caratterizzati da uno stilo barocco e neobarocco.

Giardino Sonoro - Pinuccio Sciola

Ideato dall’artista Giuseppe è un giardino di sculture che sembrano grandi menhir e che emettono suoni quando vengono lucidati o con il contatto di piccole rocce. 

Scarica la Guida Viaggio della Sardegna >